Senza categoria » In Russia si vota per la legge sulla valuta digitale

In Russia si vota per la legge sulla valuta digitale

Sembra che la Russia sia pronta per una legge sulla valuta digitale. La legge sulle attività finanziarie digitali (DFAE) potrebbe essere adottata dalla Duma di Stato in autunno. A dichiararlo è stato Anatoly Aksakov, presidente del comitato della Duma di Stato sul mercato finanziario. Stando alle notizie su criptovalute, una nuova versione della principale bozza di legge russa sulla regolamentazione delle criptovalute (DFA) non include codici di reato poiché i legislatori dovrebbero tenere la seconda lettura della legge.

Dove eravamo rimasti?

Prima di raccontarvi le novità del giorno, vediamo a che punto siamo in Russia sulla valuta digitale. A maggio, la Banca Centrale della Federazione Russa pianificava di vietare la distribuzione e l’utilizzo di criptovalute. Una proposta di legge, ancora non concretizzata, che voleva proibire qualsiasi attività legata alle monete digitali, e che avrebbe portato indietro il Cremlino indietro di 2 anni. Vista anche l’intenzione di dare ai cittadini russi la CryptoRuble, un progetto che però non si è mai sviluppato concretamente. 

In Russia una legge sulla valuta digitale

Secondo i registri ufficiali della Duma di Stato, organo legislativo della Russia, la commissione per i mercati finanziari ha proposto la seconda lettura del disegno di legge “On Digital Financial Assets”, o DFA. Il disegno di legge sulla valuta digitale in Russia, definisce il DFA e stabilisce i requisiti per il sistema informativo in cui sono emessi. Nonché per il gestore di questo sistema e il gestore dello scambio DFA. Questa procedura è legata al sistema legislativo russo, in cui ogni disegno di legge è soggetto a tre letture. 

Le opinioni di Aksakov

In merito al disegno di legge, il deputato e presidente del Duma Aksakov, ha dichiarato che il progetto definisce anche la valuta digitale in Russia:

“La valuta digitale è intesa come un codice o designazione digitale o un insieme di dati elettronici contenuti in un sistema informativo. E questi dati possono essere utilizzati come mezzo di pagamento e come riserva di valore. Inoltre, da un lato, questo è un mezzo di pagamento sotto forma di un codice digitale elettronico, ma allo stesso tempo non è né un’unità monetaria internazionale, né un’unità monetaria di uno stato straniero o della Federazione Russa”.

Sembra che la Russia sia pronta per una legge sulla valuta digitale. La legge sulle attività finanziarie digitali potrebbe essere adottata dalla Duma di Stato in autunno.

Una legge speciale

Durante la stesura del disegno di legge sulla valuta digitale in Russia, sono stati rimossi numerosi concetti. Tra cui “mining” e “token”. A questo, Aksakov ha dato una chiara risposta, affermando che questi concetti saranno inseriti all’interno di un’altra legge. “Ci sarà una legge speciale sulla valuta digitale, che può essere adottata nella sessione autunnale”

Nessuna norma penale 

Inoltre, il comitato ha abbandonato l’idea di integrare il documento DFA con norme sulla responsabilità amministrativa e penale. “Non ci sarà alcuna responsabilità in questo disegno di legge”, ha detto il capo del comitato. Tuttavia, così come è stata pensata la legge sulla valuta digitale in Russia, Aksakov è convinto che il disegno probabilmente passerà a luglio. Inoltre, si aspetta che venga applicato a partire dal 1° gennaio 2021. 

Il futuro della valuta digitale in Russia

La Russia è sempre stato un Paese ambiguo verso la valuta digitale. Prima si era posto contrario, poi favorevole, poi un’altra volta contrario e adesso si trova in una posizione di mezzo. Un limbo e una situazione di disaccordo tra i legislatori che di certo produce solo ritardi nell’adozione di misure legislative. Ad esempio, proprio la legge DFA è stata ritardata più volte nonostante il presidente russo, Vladimir Putin, si sia dimostrato favorevole all’adozione. Tuttavia, come gli altri Paesi sensibili al settore crittografico, anche la Russia si sta muovendo, per cercare di non essere scavalcata “dall’amica rossa” Cina. 

Ultimi Articoli

Accordo tra Goldman Sachs e gli USA: la società verserà 2,8 miliardi di dollari

Secondo quanto riferito, Goldman Sachs avrebbe concordato con il governo degli USA sul suo ruolo in un fondo di investimento governativo malese...

La CFTC stringe le regole crittografiche per i commercianti crittografici

I funzionari della CFTC pubblicano un nuovo avviso crittografico per i commercianti di commissioni sui futures. La Division of Swap Dealer and...

Crypto News e Blockchain del 22/10/2020 Tg Coin

La Truffa di Yahoo su Yuan Digitale  La Cina ha appena lanciato la sua valuta digitale. Infatti, nella...

In Messico il 40% delle aziende sta cercando di adottare blockchain e criptovalute

Uno studio sulla crittografia ha rivelato un fatto sorprendente sull'adozione della blockchain e criptovalute in Messico. Un rapporto, denominato "Tendenze della crittografia...

La Nuova Zelanda non è pronta per la propria valuta digitale

Sappiamo bene che la maggior parte delle banche centrali dei paesi sta cercando di progettare le proprie valute digitali. Tra i paesi...

Articoli Correlati