Un token sovrano per il gigante finanziario giapponese

83
La crypto news vola in Giappone, dove il più grande istituto finanziario sta pianificando di emettere una stablecoin, ovvero il token MUFG

Nella crypto news voliamo in Giappone, dove il più grande istituto finanziario, Mitsubishi UFJ Financial Group, sta pianificando di emettere una stablecoin, ovvero il token MUFG. Un progetto a lungo termine e che presto vedrà luce. Infatti, la sua data d’uscita dovrebbe essere nella seconda metà del 2020. 

crypto news: Una stablecoin su rete blockchain

Secondo quanto riferito e stando a quanto ne sappiamo, Mitsubishi UFJ Financial Group, o MUFG, la quinta banca più grande del mondo, sta pianificando di emettere il proprio token MUFG nella seconda metà del 2020. Iniziato nel 2015, il progetto di valuta digitale è stato originariamente progettato per funzionare su una rete blockchain e facilitare transazioni peer-to-peer istantanee. A seguito di numerosi ritardi , l’iniziativa dovrebbe essere lanciata entro il 2020, riferisce Cointelegraph Japan il 13 luglio. 

Chi è MUFG?

Prima di proseguire con la crypto news, conosciamo meglio Mitsubishi UFJ Financial Group. MUFG è la più grande società finanziaria del Giappone e la seconda più grande holding finanziaria del mondo con circa 1,6 miliardi di dollari di depositi. Le sue origini risalgono al 1880, quando fu fondata la Yokohama Specie Bank. Si prospettava già da tempo che diventasse la prima banca giapponese a emettere una valuta digitale. 

Investimenti per $ 14 milioni 

Nella crypto news vi diciamo anche che nel settembre 2019, MUFG ha partecipato a un round di investimenti da $ 14 milioni per il protocollo di emissione di token sostenuto da Coinbase Securitize, insieme a Banco Santander e Nomura Holdings. Un grande investimento che ha coinvolto grandi società in Giappone. Portando il finanziamento totale di Securitize a $ 30 milioni.

SEC registra Securitize 

Come abbiamo appena detto nella crypto news, Securitize è importante per il mercato crittografico giapponese. Una società che ha avuto anche il via libera dalla SEC statunitense che l’ha registrata come agente di trasferimento. Securitize, nonostante afferma di essere il primo agente di trasferimento, è invece il secondo dopo Vstock, è in grado di operare come detentore ufficiale dei registri sui cambi di proprietà dei titoli.

Chi è Securitize?

Prima di buttarci a capofitto sulla crypto news, vediamo chi è Securitize. E’ una piattaforma di titoli digitali supportata da Coinbase. Inoltre è una piattaforma di emissione primaria per token di sicurezza garantiti da attività sulla blockchain. Il suo innovativo Digital Securities Protocol (protocollo DS) consente scambi senza soluzione di continuità e pienamente conformi su più mercati contemporaneamente. Securitize è fortemente investito nello spazio globale dei token di sicurezza e collabora attivamente con scambi, broker-dealer, custodi di criptovalute, servizi di deposito a garanzia e altre infrastrutture finanziarie per token di sicurezza. Inoltre digitalizza titoli legacy con tecnologia blockchain.

La crypto news vola in Giappone, dove il più grande istituto finanziario sta pianificando di emettere una stablecoin, ovvero il token MUFG

crypto news: “Tutti utilizzeranno MUFG” 

Ma adesso veniamo al token MUFG. Hironori Kamezawa, presidente e CEO di MUFG, ha annunciato i nuovi piani del gigante finanziario del Giappone. Come parte del prossimo lancio, MUFG sta pianificando di lanciare pagamenti al dettaglio mobili alimentati dalla valuta digitale in collaborazione con il suo partner, il Recruit Group. Kamezawa poi ha proseguito dicendo “che tutti saranno in grado di usarlo apertamente”, aggiungendo che il token MUFG sarà disponibile anche in negozi non Recruit in futuro. 

crypto news: MUFG è uno stablecoin correlato allo Yen 

E’ importante sottolineare che il token MUFG è progettato come uno stablecoin basato su blockchain e ancorato allo yen giapponese. Da quando il progetto è stato avviato per la prima volta circa cinque anni fa, il lancio del token MUFG è stato ritardato più volte. Secondo quanto riferito, la banca stava cercando di lanciare il token durante il 2018 e il 2019 . 

crypto news: Cosa spinge ad investire nel mercato asiatico? 

Da questa analisi appena conclusa, non possiamo che domandarci il “perché?” molte grandi aziende scelgono il mercato giapponese o cinese per le loro attività. Come ad esempio gli investimenti in Giappone di Securitize o del Banco Santander. Addirittura a Securitize non ha spostato le sue attività nemmeno con la licenza SEC. Facendo emergere una paura governativa di fondo, ovvero che non si sente libero di operare nel mercato crittografico statunitense. 

I motivi possono essere tanti: leggi poco chiare o completamente assenti, proprio come dicevamo ieri; mercato in Giappone o in Cina più aperto; maggiori prospettive di crescita in Asia. Tutti punti a cui i grandi Paesi Occidentali devono pensare, se vogliono trovare un posto nello spazio delle stablecoin e delle criptovalute. E noi saremo pronti qui, con le nostre crypto news, a raccontare come le cose si evolveranno