Un altro divieto per le criptovalute in India. Passo indietro del governo

197
Nella crypto news il Ministero delle Finanze indiano ha proposto di vietare le criptovalute per legge. Dopo tre mesi dalla sentenza della Corte Suprema di revocare il precedente divieto.

Nella crypto news di oggi torniamo a parlare dell’India. La sua situazione crittografica è stata sempre in bilico. Il Ministero delle Finanze indiano ha proposto di vietare le criptovalute per legge. Questo dopo tre mesi dalla sentenza della Corte Suprema di revocare il precedente divieto.

crypto news: Nuovi divieti per le crypto

Come anticipato, il Ministero ha proposto di vietare legalmente le criptovalute. Questo all’interno dell’India. La comunità crypto indiana ha incontrato un’altra svolta inaspettata. La proposta dovrà passare davanti al Consiglio dei ministri dell’Unione. E poi sarà trasmessa al Parlamento per la revisione finale. 

Passo indietro per l’India

Questo rappresenta un enorme passo indietro per l’India. Solo tre mesi fa, la Corte Suprema ha annullato il divieto della Reserve Bank of India. Hanno dichiarato che quel divieto è incostituzionale. Perché era un divieto per le banche. Per non far fornire servizi a chi commercia in criptovalute. 

Cos’è la Reserve Bank of India?

La Reserve Bank of India è la banca centrale dell’Unione indiana. Stabilisce la politica monetaria della rupia indiana. Fu fondata nel 1935. Sotto il dominio coloniale britannico. I 21 membri sono nominati dal Governo. E hanno un mandato di quattro anni.

Nella crypto news il Ministero delle Finanze indiano ha proposto di vietare le criptovalute per legge. Dopo tre mesi dalla sentenza della Corte Suprema di revocare il precedente divieto.

crypto news: Paura nell’ambiente crittografico

La nuova proposta ha suscitato paura nella comunità crypto indiana. Dopo il grande entusiasmo, questa proposta potrebbe essere un duro colpo. Perché limita le aziende e gli individui nello spazio crittografico. Le aziende come Binance e OKEx potrebbero ritirarsi. E non operare più in India.

crypto news: Legislazione indiana da rivedere

Molti addetti ai lavori puntano il dito contro il governo indiano. Dicendo che questo non capisce le potenzialità della tecnologia. Per questo c’è molto da rivedere riguardo alla proposta di legge. Non sono stati forniti chiarimenti sulle restrizioni che potrebbero includere. E soprattutto i trader non sanno come e se operare nello spazio crittografico. 

Troppe indecisioni danneggiano 

In conclusione, il tira e molla del governo indiano non fa bene a nessuno. Certo, c’è da vedere se la proposta passa in Parlamento. Ma se dovesse entrare in vigore, l’India torna indietro. Proprio in un momento in cui aveva mostrato segni promettenti. 

Non dimentichiamoci che l’Africa continua a fare consistenti passi avanti. Perché vede nelle cryptovalute lo strumento per arrivare alla libertà. Mentre l’Europa non sembra voler cogliere le opportunità. Per questo l’India deve decidere se rimanere indietro. Oppure cercare di tornare a reggere il confronto con i Paesi all’avanguardia.