Criptovaluta » Crypto News » La Banca Centrale dei Paesi Bassi impone nuove regole a chi acquista criptovalute

La Banca Centrale dei Paesi Bassi impone nuove regole a chi acquista criptovalute

I Paesi Bassi inseriscono un nuovo regolamento per gli scambi di criptovalute. Ampliando le sanzioni del 1977. La banca centrale olandese sta applicando una nuova norma agli exchange. Per scoraggiare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo. La banca centrale ha ordinato di costringere gli utenti a dimostrare di possedere i loro portafogli di prelievo. Costringendo loro di spiegare perché stanno acquistando Bitcoin. L’exchange Bitonic si è mostrato contrario alle norme. Sottolineando che nessun altro paese dell’UE ha questi requisiti sulle criptovalute.

Nuovi protocolli di verifica

Come abbiamo anticipato, la banca centrale dei Paesi Bassi (DNB) richiede protocolli di verifica aggiuntivi agli scambi di criptovalute. O meglio, per gli utenti di uno scambio crittografico. Tra questi è inclusa la prova dei portafogli. Le piattaforme devono garantire che i loro clienti siano i legittimi proprietari dei loro indirizzi crittografici. La nuova politica si basa sul Sanction Act del 1977 del paese. Ed è già oggetto di alcune discussioni tra le parti interessate.

Exchange di criptovalute presi di mira 

Ad annunciare i cambiamenti in atto nel paese con un comunicato stampa è stato lo scambio di criptovalute Bitonic. Proprio gli exchange di valute digitali sono quelli più colpiti dalla nuova regolamentazione. Nell’ambito del rispetto della nuova regola, Bitonic ha rilasciato un messaggio diretto:

“D’ora in poi, ci viene richiesto di chiedere ulteriori dettagli. Come lo scopo con cui intendi acquistare Bitcoin e che tipo di portafoglio utilizzi. Inoltre, siamo obbligati a verificare che tu sia il legittimo proprietario dell’indirizzo bitcoin fornito. Richiedendoti di caricare uno screenshot dal tuo portafoglio o firmando un messaggio”.

Bitonic contro la nuova regolamentazione 

Se vuole continuare ad operare nel proprio paese, Bitonic deve necessariamente rispettare le norme. Tuttavia, non sono passati inosservati i malumori. Infatti, commentando la politica, l’exchange di criptovalute ha descritto la legge come un “fastidio” per i suoi clienti. La piattaforma ha anche rivelato che stava proprio sfidando la legge e i sistemi tradizionali. Incoraggiando gli utenti scontenti a registrare il loro disappunto tramite un modulo di reclamo sul suo sito web.

Regolamentazioni crittografiche sempre più aspre 

La verifica della “prova del portafoglio” è solo l’ultima di una lunga lista. I requisiti imposti dalla banca centrale olandese agli scambi di criptovalute sono molteplici. All’inizio dell’anno, il parlamento del paese ha modificato le sue leggi antiriciclaggio (AML). Conferendo proprio alla DNB il potere di parlare della supervisione delle operazioni degli exchange

Misure che seguono le direttive europee 

Ovviamente, alcune misure adottate dai Paesi Bassi fanno riferimento all’Unione Europea. Ricordiamo che il paese ha adottato la quinta direttiva dell’UE contro il riciclaggio di denaro (AMLD-5). Per questo motivo, gli scambi di criptovalute che desiderano operare devono registrarsi per una licenza presso la banca centrale olandese. All’inizio di novembre, è stato rivelato che solo tre delle 38 domande sono state accolte dalla DNB

Fuga dai Paesi Bassi 

Le rigorose misure di regolamentazione hanno visto alcuni scambi di criptovalute uscire dai Paesi Bassi. Dato l’aumento dei costi di conformità, piattaforme come Deribit sono già scappate. Questo perché paesi come Malta e Gibilterra hanno delle normative relativamente più amichevoli. Inoltre possono presentare una proposta interessante per gli scambi che cercano di allontanarsi dagli Stati membri dell’UE. Un trasferimento a Malta e Gibilterra ha anche un ulteriore vantaggio. Quello di poter continuare a fornire servizi ai clienti europei

Dall’Europa requisiti più rigorosi per le criptovalute globali 

Questo in cui viviamo è un contesto economico incerto e in crisi. La Commissione europea così ha deciso di regolamentare le monete digitali. Questo non vuol dire che le ha vietate, ma ha semplicemente messo dei paletti. In questo quadro, le global stablecoins saranno soggette a requisiti più rigorosi. Queste misure sono state introdotte come salvaguardia del patrimonio e dei diritti degli investitori.

E se venissero introdotte “regole di viaggio” severe in UE? 

Non tutti hanno pensato che l’Unione Europea potrebbe intervenire in maniera più severa e netta. Contro tutte le attività illecite. Bruxelles potrebbe ottenere un controllo centrale su tutta la rete dei pagamenti transfrontalieri. Mettendo in disordine non solo i pagamenti in euro. Ma anche quelli con le criptovalute. Intervenendo sulle “regole di viaggio” la BCE si garantirebbe un maggiore controllo. 

Articoli Consigliati