Bitcoin » News Bitcoin » Iran sceglie Bitcoin per pagare le importazioni internazionali

Iran sceglie Bitcoin per pagare le importazioni internazionali

Il governo dell’Iran ha adottato il bitcoin. Per il commercio internazionale. Nel frattempo la crisi economica del paese si aggrava. A causa dell’aumento dei casi Covid-19 e del deprezzamento del rial. Ma soprattutto con l’intensificazione delle sanzioni imposte dal governo degli Stati Uniti. Adesso bitcoin e altre criptovalute vengono estratte ufficialmente. Sotto la supervisione del governo. E dovranno essere fornite direttamente alla Banca Centrale dell’Iran. 

Iran legalizza Bitcoin 

L’Iran ha legalizzato il Bitcoin come valuta di riserva. Inoltre sta cercando di integrare la criptovaluta nella sua economia nazionale in difficoltà. Le banche iraniane hanno perso l’accesso al sistema bancario globale. Quando Trump ha ritirato gli Stati Uniti dall’accordo nucleare iraniano. E ha imposto ulteriori sanzioni. Che hanno preso di mira 18 banche iraniane. L’economia iraniana ha successivamente sofferto di alti tassi di inflazione e deprezzamento della valuta. 

Bitcoin è la soluzione contro i problemi

In seguito alle pesanti restrizioni, gli iraniani allora si sono rivolti alle valute digitali. Per trasferire denaro all’estero. Le autorità inizialmente sono intervenute reprimendo i minatori. Che abusavano di energia altamente sovvenzionata in Iran. Ma poi il governo ha adottato un atteggiamento più amichevole e aperto. Nei confronti delle criptovalute. Dopo aver realizzato che consentono all’Iran di aggirare i limiti bancari

Nuova legislazione pro criptovaluta 

L’Iran nei giorni scorsi ha fatto una mossa importante. Per portare l’adozione della criptovaluta al livello successivo. Il gabinetto iraniano ha modificato la legislazione sulla criptovaluta. Sulla base di una proposta congiunta della CBI e del ministero dell’Energia iraniano. Per consentire alla banca centrale di utilizzare la criptovaluta. Per pagare le importazioni dall’estero. Ciò potrebbe anche aiutare la banca centrale a eludere le restrizioni. Imposte dal governo degli Stati Uniti. 

Minatori vendono Bitcoin alla Banca Centrale 

Il governo iraniano ha modificato il suo regolamento sulla criptovaluta. Per consentire alla banca centrale del paese di finanziare le importazioni. Con bitcoin estratti legalmente nel paese. Le autorità iraniane affermano di aver già distribuito 1.000 licenze minerarie Bitcoin a tre centrali elettriche. Per fornire energia alle società minerarie. Richiedendo che i gettoni estratti localmente vengano venduti alla Banca centrale dell’Iran. Per contribuire a pagare le importazioni. Nell’agenzia stampa locale si legge:

Il governo iraniano ha modificato i suoi regolamenti sulle criptovalute. Per consentire loro di essere utilizzati esclusivamente per finanziare le importazioni. In un momento di maggiore pressione sul normale utilizzo del paese di valute forti. Le criptovalute minate legalmente in Iran saranno scambiabili. Solo quando vengono utilizzate per finanziare le importazioni da altri paesi. I minatori dovrebbero fornire la criptovaluta originale direttamente ed entro il limite autorizzato ai canali introdotti dalla CBI. Il limite legale per la quantità di criptovaluta per ciascun minatore è determinato dal livello dell’energia sovvenzionata utilizzata. Per l’estrazione e sulla base delle istruzioni pubblicate dal Ministero dell’Energia”.

Iran e Bitcoin: guadagno reciproco 

Non solo il governo iraniano guadagna da Bitcoin. Ma anche Bitcoin trarrà vantaggio dall’ultima decisione dell’Iran. Nel frattempo Teheran porterà entrate extra alla criptovaluta madre. Che ha una capitalizzazione di mercato di $ 200 miliardi. Proprio attraverso l’estrazione mineraria. Ed eleverà il suo mercato delle valute digitali. Per sostituire la necessità di utilizzare il mercato internazionale del dollaro USA. Per adesso gli Stati Uniti non hanno fatto nessuna contromossa. Anche perché si è nel pieno dello spoglio elettorale.

Articoli Consigliati